BUON NAPOLI, MA L’HAJDUK PASSA PER 1-0

BUON NAPOLI, MA L’HAJDUK PASSA PER 1-0 src=

Hajduk (4-3-1-2)Subasic; Rubic, Pandza (37' s.t. Buljat), Zivkovic, Strinic; Linic, Andric, Gabric (32' s.t. Oremus); Ibricic (38' s.t. Bartolovic); Kalinic, Busic (11' s.t. Ticinovic)Allenatore: Vucevic

 

Napoli (3-5-2) Iezzo (18' s.t. Gianello); Santacroce, Cannavaro, Contini (1' s.t. Rinaudo); Maggio (18' s.t. Montervino), Blasi (18' s.t. Dalla Bona), Gargano (18' s.t. Amodio), Hamsik (18' s.t. Pazienza), Grava (1' s.t. Savini); Denis (18' s.t. Pià), De Zerbi (1' s.t. Bogliacino)Allenatore: Reja

 

Arbitro: Sunjic di Spalato

Marcatori: 30’Linic 

Ammoniti: Ibricic (H) Gargano, Savini, Bogliacino (N)

Note: temperatura attorno ai 30°, calci d’angolo 5-4 in favore dell’Hajduk, possesso palla 52% Hajduk – 48% Napoli

Recupero 1° pt; 2° st

 

Seconda amichevole per il Napoli targato 2008-2009 che vuole tentare l’assalto all’Europa attraverso l’Intertoto. Dopo il test poco attendibile contro i dilettanti dello Jennersdorf tre giorni fa, questo di Spalato contro l’Hajduk darà già un’idea più precisa su quello che potrà essere il Napoli che fra soli 9 giorni scenderà in campo in gara ufficiale contro la vincente di Panionios-Ofk Belgrado. Reja sceglie il consueto 3-5-2, con De Zerbi a svariare al fianco di Denis ed a sorpresa Grava a presidiare la corsia mancina in sostituzione di Savini. In difesa, invece, resta inizialmente in panchina il neo-acquisto Rinaudo a cui viene preferito il già collaudato Contini.

 

Sin dall’inizio è partita vera e nessuna delle due squadre ci tiene a sfigurare. Parte meglio il Napoli che già al 5’ va vicino al gol con un bolide dalla media distanza di De Zerbi alzato sulla traversa dall’estremo difensore dell’Hajduk. Al 15’ arriva la risposta dei croati con un tiro dal limite dell’area del fantasista Ibricic che si perde di poco a lato alla sinistra di Iezzo. Col passare dei minuti l’Hajduk prende campo, mentre le iniziative del Napoli troppo spesso si spengono sui piedi di De Zerbi che alterna giocate entusiasmanti (poche) ad altre al limite dell’irritante (molte). Al 30’ un rocambolesco rimpallo su scivolata di Contini favorisce al limite dell’area il centrocampista Linic, che indisturbato può piazzare al meglio il pallone alle spalle di Iezzo per l’1-0 in favore dello Spalato. La reazione del Napoli, però, c’è e si concretizza al minuto 38 quando un pallone filtrante di Hamsik pesca in area Denis che al momento di battere a rete viene agganciato da dietro dall’ex sampdoriano Zivkovic. L’arbitro non ha dubbi e concede l’estrema punizione in favore degli azzurri. Sul dischetto si presenta Marek Hamsik che però non calcia alla perfezione e si fa respingere da Subasic il penalty del possibile pareggio. Al 44’ ancora Denis e Zivkovic protagonisti: il centravanti azzurro approfitta di un’indecisione del difensore croato a cui ruba palla in area depositando poi il pallone in gol. L’arbitro, filo-casalingo nel corso di tutti i 90’ di gioco, annulla inspiegabilmente per un presunto fallo del “Tanque”. La prima frazione di gioco termina, dunque, sul risultato di 1-0.

 

In apertura di ripresa Reja prova a mischiare un po’ le carte e sostituisce gli evanescenti De Zerbi e Grava con Bogliacino e Savini, oltre a Contini rimpiazzato dall’ex palermitano Rinaudo. Al 52’ nuova occasione per gli azzurri: un lancio dalla sinistra del nuovo entrato Savini pesca Hamsik tutto solo in area, ma lo slovacco tentenna troppo e favorisce il ritorno dei difensori croati che al momento della battuta lo anticipano. Passano tre minuti ed un perfetto calcio d’angolo battuto da Bogliacino pesca Maggio tutto solo in area, ma il colpo di testa dell’ex sampdoriano è da dimenticare e si perde a lato. Al 62’ Reja cambia mezza squadra: dentro Gianello per Iezzo, Montervino per Maggio, Pazienza per Blasi, Amodio per Gargano, Dalla Bona per Hamsik e Pià per Denis. Proprio l’ingresso dell’attaccante brasiliano fornisce un po’ di vivacità alla manovra offensiva azzurra. Al 71’, infatti, uno scambio con Dalla Bona favorisce la battuta in porta dell’ex leccese, ma il pallone si perde ancora una volta a lato. L’Hajduk non resta a guardare ed al 76’ si rende pericoloso con una bella girata di Kalinic, deviata sapientemente da Santacroce in angolo. Al 91’ ancora Pià manca una favorevolissima occasione in area sugli sviluppi di un perfetto cross dalla sinistra di Bogliacino. Il match termina così sull’1-0 in favore dell’Hajduk, ma in ogni caso il Napoli dimostra di esserci nonostante il clima incandescente e la buona condizione degli avversari, già pronti per affrontare l’imminente primo turno preliminare di Coppa Uefa e l’inizio del campionato croato, che prenderà il via il prossimo 27 luglio. Incoraggianti le prove dei neoacquisti Maggio e Denis, buona la prova della difesa in generale con il solito Santacroce sugli scudi, discreta anche quella del centrocampo, bocciati gli esperimenti di Grava a sinistra e di De Zerbi come vice-Lavezzi, ai quali si sono fatti preferire di gran lunga Savini e Bogliacino. Fa ben sperare, in ogni caso, la condizione fisica e la voglia di combattere degli azzurri. Prossimo impegno per Cannavaro e compagni l’amichevole di domenica pomeriggio in Austria contro i dilettanti dell’Hoellenneg.

Translate »