Ancelotti:”Hamsik proveremo ad accontentarlo. Il pubblico ci deve aiutare”

 

Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli, dopo la vittoria contro la Sampdoria è intervenuto ai microfoni di Sky Sport: “Mi aspettavo questa reazione. L’anormalità sta nella partita di martedì, perché anche prima con la Lazio avevamo giocato bene”.

Sulla possibilità di vedere Hamsik in Cina: “C’è una trattativa in corso, dobbiamo valutare insieme al giocatore. Il Napoli ha tantissimo rispetto per Marek, se lui vuole fare un’altra esperienza, parlo solamente da un punto di vista emozionale, c’è la tendenza e la volontà di accontentarlo. C’è questa trattativa in corso, non nascondiamo niente. Da parte mia e dalla società se il giocatore ha voglia di andare tendiamo ad accontentarlo. Credo che ci sia la volontà, d’altronde si è aperta una trattativa”.

Cosa cambierà dovesse partire Hamsik? “Marek ha fatto molto bene, nonostante quello che si è detto. In quella posizione lì abbiamo provato Fabian, c’è Diawara. In quella posizione siamo ben coperti, tant’è che abbiamo rinunciato anche a Rog”.

Sull’aspetto tattico: “Nelle due partite con il Milan è mancata profondità, non siamo riusciti a ribaltare il gioco. I gol arrivano quando sorprendi, è difficile segnare a difesa piazzata. Il cambio di fronte veloce è una componente importante, contro il Milan non l’abbiamo fatto bene. Zielinski ha fatto una grande partita”.

Sull’abbraccio con Insigne: “Gli dico sempre che in quella partita segna, stavolta ci ho azzeccato. Quando gli attaccanti non fanno gol vivono momenti di incertezza. Era molto importante segnare, per noi Insigne è fondamentale”.

Sulla partenza di Hamsik ha inciso l’esplosione di Fabian? “Abbiamo anche Diawara, che avrà più opportunità. Abbiamo provato Fabian, che ha giocato molto bene in quella posizione. E c’è anche Zielinski. Li ho alternati tutti e tutti mi hanno dato soddisfazione. Non abbiamo un sosia di Hamsik, ma l’interpretazione può essere diversa”.

Ha pensato di far tirare il rigore a Koulibaly? “Non ha bisogno di calciare il rigore perché è già molto amato. Per i rigori è meglio affidarsi a chi sa calciarli meglio, anche perché le partite finiscono quando l’arbitro fischia”.

Sullo stadio semivuoto: “Uno stadio pieno ci fa giocare ancora meglio”.

A proposito dell'autore

Salvatore Stiletti

Post correlati

Translate »