Ancelotti:”A Napoli si sta da Dio!”

Carlo Ancelotti, tecnico del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni in occasione della presentazione del libro di Alessandro Alciato, “Demoni”:“Alessandro è un buon amico, un ottimo scrittore, di calcio ne capisce poco (ride, ndr). Le luci della ribalta spesso nascondono difficoltà, nel mio mestiere hai a che fare con delle persone. Le difficoltà che saltano fuori quando sei giovane sembrano più grandi. Nello spogliatoio si vedono chi sono le persone, di Ibrahimovic si ha un’immagine diversa da quello che è davvero. Se ci si crede, le difficoltà diventano una opportunità per migliorare. Nella vita come nel calcio. Non è facile, non bisogna essere troppo negativi nel valutare le cose. Occorre il massimo equilibrio, tante volte un problema ritenuto grande ha una soluzione semplice. Kaladze visse la vicenda del rapimento del fratello con dignità, prima di una partita di Champions gli dissi che se voleva poteva andare a casa ma lui volle giocare. Ho avuto momenti difficili ma non li ho mai considerati cose gravissime. Li chiamavo problemi lavorativi, mi hanno formato caratterialmente. Infortuni sul lavoro esistono, è molto più importante e grave di una sconfitta. Il calcio è una metafora importante della vita, la vita è piena di problemi più gravi di una partita di calcio. La sconfitta ce la sentiamo addosso. Le cose negative ci rimangono addosso più delle cose positive. A Napoli si sta da Dio .L’episodio di Instabul 2005 è frutto di un percorso in cui ci sono cose negative e positive. Ho cercato di farmi restare addosso il 2003 e il 2007. Dopo una vittoria si festeggia, festeggiare ci fa pensare meglio alla partita successiva.”

A proposito dell'autore

Giuseppe Lombardi

Post correlati

Translate »