Ancelotti: “Sulla freddezza sotto porta io posso fare poco”

Ancelotti ha parlato in conferenza stampa dopo la gara: “E’ mancato il colpo finale, la finalizzazione, serviva più freddezza ma al 99% abbiamo fatto tutto bene”.

Sta diventando una costante la poca concretezza sotto porta. E’ un problema di attaccanti non freddi? “Non posso incidere sulla freddezza con gli allenamenti, io mi devo preoccupare dei movimenti che sono stati corretti quasi sempre in entrambe le fasi, al 99% abbiamo fatto bene anche davanti perché siamo arrivati quattro volte davanti al portiere e bisogna migliorare, forse è più un aspetto psicologico, ma gli attaccanti sono convinti che si rifaranno”.

Ottima prova di Maksimovic, può anche costruire da dietro come Albiol? “Ha sempre dimostrato grande affidabilità sia da terzino che da centrale, non fa errori, è sempre pulito in entrambe le fasi. E’ un ottimo giocatore”.

Su Meret e Lafont: “Il portiere della Fiorentina è stato più impegnato stasera, sono due ottimi portieri con un grande futuro. Occasioni della Fiorentina? Direi nella prima parte con la pressione, ci hanno costretti a lanciare troppo, ma poi superata la pressione abbiamo trovato la profondità e siamo andati davanti al portiere. Era come l’avevamo programmata, dovevamo attaccare proprio così, i compiti sono stati svolti tutti, tranne il tiro finale…”.

Il distacco dalla Juve toglie l’attenzione giusta? “No, mentalmente ed a livello tecnico abbiamo fatto la partita. Noi dobbiamo fare il nostro campionato, senza pensare tanto, ora inizia l’Europa League e saremo pronti sicuramente come stasera”.

Sull’infortunio di Mario Rui: “Problema muscolare, lo valuteremo tra domani e dopo domani”.

A proposito dell'autore

Rosario Verde

Maturita’ classica. Attestato di Intelligence e Spionaggio Industriale conseguito presso L’Iscom, istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione.Giornalista, curatore di rubriche e membro della redazione presso il giornale cittadino “Zapping” di Casandrino. Amante del Latino, si definisce un malato della maglia azzurra. Lettura e scrittura, tecnologie, sport, viaggi sono i suoi hobby nel tempo libero.

Post correlati

Translate »