Ancelotti: “Cori? La prossima volta ci fermeremo. Dopo stasera non cambiano gli obiettivi”. E su Mazzoleni…

In conferenza stampa ha parlato Carlo Ancelotti, tecnico del Napoli, al termine di Inter-Napoli

Sulle difficoltà nel primo tempo: “Non è mancato niente rispetto a quello che volevamo fare, nella seconda parte avevamo preso il controllo ed era tutto ben indirizzato. Poi c’è stata l’espulsione”.

Su Mazzoleni: Non ero arrabbiato, ma dispiaciuto. Ho chiesto informazioni su quanto successo, l’espulsione di Koulibaly è stata determinata da uno stato d’animo. E’ stato insultato per tutta la partita, abbiamo chiesto alla procura federale di intervenire, hanno fatto solo annunci e non sospensione come era giusto fare. Koulibaly non fa mai quel gesto, errato, ma lo stato d’animo non era sereno e l’arbitro non ha tenuto conto di tutto questo”.

Sugli obiettivi: “Non cambia quello che pensiamo, l’obiettivo di essere competitivi su tutte le competizioni. La squadra ha fatto bene in una trasferta difficile”.

Sui cori contro Koulibaly; “Parlo dell’episodio di stasera condizionato da razzismo. Si va sul pesante, stiamo facendo una campagna, tutti siamo coinvolti. Vogliamo sapere quanti richiami servono per sospenderle, se non ce lo dicono ci fermeremo noi la prossima volta”

Fermarsi è l’unica cosa per risolvere il problema. “Il presidente si è già esposto in prima persona, ora c’è la responsabilità dell’arbitro. Fermarsi temporaneamente non è un dramma, a Genova la gara si fermò per il meteo. E’ una brutta figura altrimenti”

Il razzismo in Italia è ad un livello peggiore dell’estero? “L’Italia resta il paese più bello, ma dobbiamo migliorare, serve la volontà”

Sulla gara: “Non meritavamo di perdere assolutamente, abbiamo avuto la palla gol per vincere, Meret non è mai stato chiamato in causa. Sotto il punto di vista mentale e tattico non ho visto difficoltà”

Translate »