AMICHEVOLI- nella prima amichevole il Napoli perde 1-2 con il Benevento

Nella prima amichevole pre campionato, il Napoli di Carlo Ancelotti orfano dei big che ancora devono giungere a Dimaro, affronta il Benevento del neo tecnico Filippo Inzaghi. Ad inizio gara tutta Dimaro omaggia Cristian Maggio, al quale il presidente De Laurentiis gli fa dono di una maglia celebrativa, con il numero delle presenze nelle 10 stagioni all’ombra del Vesuvio. Insomma un’atmosfera davvero molto amichevole e familiare, condita da fair play e tanti sorrisi.

PRIMO TEMPO

Avvio molto deciso da ambo le parti, al 6′ Napoli molto pericoloso con una progressione da parte di Faozi Ghoulam con un tiro di poco a lato, ma al 9′ subito il Benevento risponde con un palo da parte di Roberto Insigne a seguito di un tiro a giro di pregevole fattura, al 12′ Tutino servito da Gaetano con un lancio proverbiale calcia sopra la traversa, al 20′ però il Napoli centra il bersaglio grosso con Callejon che riceve palla a destra e piazza la palla alla destra del portiere, al 33′ azione in velocità con Tutino che serve Callejon che apparecchia Verdi davanti alla porta ma il pallone termina di poco sopra la traversa, al 34′ Maksimovic liscia un pallone sanguinoso e Coda alle sue spalle ribadisce in rete il pareggio, al 38′ ancora Callejon con un’azione fotocopia del primo gol che però termina a lato.

SECONDO TEMPO

Tanti cambi nel corso della seconda frazione di gara, tanti giovani in campo per gli azzurri che nell’ultima mezz’ora giocano in pratica con la squadra primavera. Il Napoli non conclude nulla, nessun tiro in porta da parte della compagine di Ancelotti, all’ 88′ il Benevento addirittura segna con una progressione personale di Vokic che aggira tutta la difesa campana. Partita indicativa soprattutto nel secondo tempo, il Napoli dei ragazzi purtroppo non basta per fare risultato.

IL TABELLINO DELLA GARA

Benevento: (4-3-1-2): Gori; Maggio, Antei, Caldirola, Letizia; Del Pinto, Viola, Tello; Insigne; Armenteros, Coda. All. Inzaghi

A disposizione:

Zagari, Rillo, Volpicelli, Tazza, Tuia, Improta, Gyamfi, Di Serio, Vokic, Goddard, Antei, Sanogo, Sparandeo.

Napoli (4-2-3-1)- Karnezis (Contini 1s.t);  Malcuit (Di Lorenzo 1s.t), Maksimovic (Tonelli 1 s.t), Luperto, Ghoulam (Zanoli 13 s.t); Rog, Gaetano (Palmiero 13 s.t), Callejon (Zerbin 17 s.t), Younes, Verdi (Zedadka 27 s.t), Tutino (Sgarbi 27 s.t). All Ancelotti.

A disposizione:
Contini, Idasiak, Zanoli, Di Lorenzo, Zerbin, Palmiero, Zedadka, Sgarbi, Tonelli.

Recupero: 0 p.t., 0 s.t.

Marcatori:

José Callejon 20′ p.t, Coda 34′ p.t, Vokic 42 s.t.

LE PAGELLE

Karnezis: 6- Incolpevole sul gol di Coda, poco impegnato in tutto il primo tempo, gestisce ordinaria amministrazione.

Malcuit: 6,5- Prestazione positiva da parte del terzino francese, si propone bene sulla fascia destra, qualche spunto interessante.

Maksimovic : 5,5- Buon controllo sulla fase difensiva, imposta in fase offensiva ma la sua prestazione viene macchiata dal liscio che ha portato al gol del Benevento.

Luperto: 5,5- con l’entrata di Zanoli si sposta a sinistra e sul gol di Vokic è poco reattivo e si fa infilare dietro le spalle.

Ghoulam: 6- Diligente in fase difensiva, buona spinta in fase offensiva, si vede che sta tornando il Faozi che conoscevamo.

Rog: 6- Schierato nel centrocampo a due, non disdegna affatto mettendosi in mostra per qualche buon cambio di gioco. Molto grintoso in fase di interdizione.

Gaetano: 6,5- Gioca con personalità nel ruolo tutto nuovo dipinto da Ancelotti, ottime verticalizzazioni, gioca a testa alta e con attenzione tutti i palloni.

Younes: 6- si propone spesso sulla sinistra cercando di saltare l’uomo, molto propositivo in fase offensiva.

Callejon: 7- il migliore in campo su tutti i fronti, segna il gol e gioca da capitano, leader silenzioso, sbaglia ancora un pó sotto porta.

Verdi: 5,5- Nulla di che, si vede solo in due occasioni, si nasconde molto dietro i difensori e non è quasi mai pericoloso.

Tutino: 5,5- Buona volontà, tiene palla per far salire la squadra, qualche giocata interessante, ma nulla di entusiasmante, non brilla particolarmente.

Contini: 5,5- poco impegnato, non riesce ad impedire il gol del Benevento.

Di Lorenzo: 6- appoggia bene l’azione anche se non spinge molto come Malcuit.

Tonelli: 6- tiene bene la posizione, molto sicuro comanda la difesa, autore di qualche chiusura.

Zanoli: 6- entrato al posto di Ghoulam, si pone al centro della difesa, molto interessante e promettente.

Palmiero: 6- entra al posto di Gaetano e dimostra buona qualità tecniche nel gestire il gioco.

Zerbin: 5,5- non si inserisce al meglio, si impegna molto ma nel complesso è ancora un pó acerbo.

Zedadka: 5,5- anche lui si dimostra molto inesperto, pochi minuti per lui, nessun inserimento particolare.

Sgarbi: 5,5- anche per lui pochi minuti per mettersi in evidenza, molto impegno ma poche opportunità.

Ancelotti: 6,5- Scelte obbligate in quanto il 70 per cento dei giocatori titolari in rosa ancora deve giungere a Dimaro, ma la ciliegina sulla torta è stata la posizione inedita di Gianluca Gaetano come centrocampista centrale.

A proposito dell'autore

Francesco Reale

Mi chiamo Francesco Reale, sono nato a Napoli ed ho 22 anni. Mi sono diplomato all’I.S.S Giancarlo Siani di Napoli ed attualmente frequento il secondo anno di università, presso la Federico II di Napoli, alla facoltà di lingue, culture e letterature moderne europee.

Post correlati

Translate »