Allan Marques Louerio : come ti cambio il centrocampo!

L’acquisto del mastino (e non solo) dell’Udinese ridisegna la mediana azzurra che si completa con un elemento di assoluto valore.

Dicesi che le cose più belle siano quelle ottenute con maggior fatica e sacrificio, che i risultati migliori siano quelli che si raggiungono con pazienza e dedizione; strano a dirsi a metà luglio trattandosi del mondo pallonaro, quello in cui chiacchiere e proclami contano quanto il due di picche a briscola e a divenir fondamentale è il riscontro sul campo.  Tutto vero, ed è la storia a dirlo, ma nel caso dell’estenuante trattativa che ha visto coinvolti Napoli e Udinese per il brasiliano Allan si può fare un’eccezione : questo è davvero un gran colpo. Lo è perché Allan ha mantenuto un’impressionante continuità di rendimento nella passata stagione, lo è perché ad appena 24 anni può esprimere per lungo tempo tutto il suo potenziale, lo è perché è quello di cui il Napoli aveva bisogno, una mezz’ala atipica come poche, un instancabile recuperatore di palloni a cui si abbina la tecnica naturale di chi ha il sangue verdeoro nelle vene.

Napoli vs Udinese - Coppa ItaliaQualità, quantità, aggressività ed eleganza, nell’ultima stagione in Friuli Allan è stato il fulcro del gioco bianconero in entrambi le fasi di gioco, sempre protagonista e sempre al top nelle sue apparizioni, di cui due straordinarie proprio contro il Napoli di Benitez allo stadio San Paolo, in Coppa Italia prima e in campionato dopo. Due prestazioni, quelle contro gli azzurri, in cui il centrocampista sudamericano ha sciolinato il meglio del suo repertorio, distinguendosi come uomo-ovunque nella sfida in Tim Cup, mettendo in chiaro invece, in quella di campionato, che Allan non significa soltanto corsa e contrasto (primo per palloni recuperati nella scorsa stagione in Serie A, tanto per capirci), ma anche tecnica e assist per i compagni; chiedere ad Albiol e Rafael, scherzati dalla finta a rientrare con annesso tiro a girare stampatosi sulla traversa , o a Thereau, imbeccato da Allan con una perfetta verticalizzazione di oltre trenta metri in occasione della rete friulana.

Scavando, leggendo e riguardando l’acquisto di Allan sembra proprio quello che al Napoli serviva. Un centrocampista completo  in grado di cambiare , apportando una linfa tutta nuova, un intero reparto, tra quelli più criticati nelle ultime due stagioni; con il senno di poi sarebbe stato utilissimo anche come mediano nel 4-2-3-1 di Don Rafè, i paradossi della vita. Adesso Allan è qui, fortemente voluto da Maurizio Sarri e dal presidente De Laurentiis, che tra cash e contropartite tecniche ha investito pesantemente sul brasiliano, pronto a formare con Valdifiori e Marek Hamsik una mediana in grado di assicurare sostanza, qualità ed imprevedibilità.

Translate »