ALBIOL SALVA IL NAPOLI DALLA SCONFITTA. AZZURRI PESSIMI

ALBIOL SALVA IL NAPOLI DALLA SCONFITTA. AZZURRI PESSIMI src=

Napoli (4-2-3-1): Rafael; Maggio (33' st Insigne), Albiol, Britos, Reveillere; Inler, Dzemaili (11' st Jorginho); Mertens, Hamsik, Callejon; Higuain. A disposizione: Reina, Contini, Colombo, Uvini, Cannavaro, Radosevic, Bariti, Pandev, Zapata. All.: Benitez

Chievo (3-5-2): Puggioni; Frey, Dainelli, Cesar; Sardo, Bentivoglio (27' st Radovanovic), Rigoni, Hetemaj, Dramé; Paloschi (33' st Estigarribia), Thereau. A disposizione: Silvestri, Squizzi, Pamic, Papp, Dos Santos, Kupisz, Lazarevic, Sestu, Pellissier. All.: Corini.

Arbitro: Irrati

Marcatori: 18' Sardo (C), 43' st Albiol (N)

Ammoniti: Maggio (N); Cesar, Dainelli (C)

Si chiude sull’1-1 l’anticipo delle 18 che ha visto di fronte Napoli e Chievo. Gli azzurri sono autori di una prestazione scialba ricca di imprecisioni ed errori, un passo indietro evidente nel gioco e nelle motivazioni che sorprende un po’ tutti. Corini si schiera con un 3-5-2 compatto e fin dal primo minuto sembra avere il piglio giusto, di fronte un Napoli che ritrova Hamsik dal primo minuto e rinuncia al debutto di Jorginho.

LA PARTITA – Si rendono subito pericolosi i clivensi con Thereau che cerca l’incursione centrale ma viene fermato con i tempi giusti da Raul Albiol. Ma è il preludio al gol.  Al 17’ Sardo trova il triangolo con Thereau e scaglia un destro potente dal limite dell’area di rigore, Rafael è battuto. Il Napoli si risveglia dal torpore solo al 24’ ma Higuain sbaglia un semplice tocco sotto porta mandando la palla in rimessa laterale, sembra un incubo. Gli azzurri non trovano varchi e provano le soluzioni personali, su una di queste Mertens scheggia il palo esterno. Il primo tempo si chiude con la possibilità da parte di Dramé di segnare il raddoppio ma il suo sinistro velenoso viene sventato da Rafael.

Chi si aspetta nel secondo tempo un Napoli del tutto rivoluzionato sbaglia. Gli uomini non cambiano e nemmeno il gioco. Al 2’ Albiol sugli sviluppi di un corner non trova la porta con un destro al volo. Dopo 11 minuti di sterilità offensiva debutta Jorginho, fuori Dzemaili. Aumenta il possesso palla azzurro ma manca la concretezza e continuano ad accumularsi gli errori di impostazione. Al 21’ Mertens ha l’occasione buona su calcio piazzato ma il suo destro si infrange sul palo. Entra anche Insigne e al 39’ trova un destro potente che scheggia la traversa, terzo palo per gli azzurri che nonostante la prestazione dimostrano di avere anche la sfortuna dalla loro parte. Il pressing e il predominio del Napoli si trasformano finalmente in gol solo al 42’, quasi fortuitamente, grazie ad Albiol che sugli sviluppi di un calcio d’angolo trova un destro a giro e sorprende Puggioni. E’ l’1-1 e il San Paolo si risveglia. Il Napoli cerca addirittura il vantaggio ma la squadra dimostra ancora una volta di non avere il mordente giusto e chiude mestamente la partita portando a casa un punto che non farà felice Benitez

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »