24 su 24 l’en-plein di Carlo per coppe e campionato

Fatta eccezione per il solo infortunato Chiriches, Carlo Ancelotti, nella prima parte della sua prima stagione in azzurro, è riuscito ad utilizzare tutti i giocatori della sua rosa.

In netta contrapposizione con la gestione-Sarri, l’allenatore emiliano, tra campionato e Champion’s, in ossequio al più rigoroso turn-over, ha dato a tutti i giocatori della sua rosa, la possibilità di mettersi in mostra.

Dalle “Vecchie Conoscenze” Rog, Ounas, o Diawara, ai nuovi Younes, Luperto e Malcuit, fino alla menzione speciale per Nikola Maksimovic.

Il giocatore serbo, che per due anni è stato un oggetto misterioso della rosa del Napoli, finendo addirittura in prestito in Russia lo scorso anno, adesso è la contromisura di Ancelotti a top-player del livello di Salah è Neymar, diventando il titolare fisso della difesa azzurra nelle notti europee.

Stesso discorso per il giovane Adam Ounas, visto pochissimo lo scorso anno, tranne per qualche lampo in Europa League contro il Lipsia, adesso è entrato assiduamente nelle rotazioni del tecnico ex-Milan, avendo raggiunto anche quota due reti.

Confermando le tesi di chi, lo scorso anno, diceva che la coperta del Napoli non era corta, ma poco utilizzata, quest’anno con la partecipazione di tutti i componenti, la rosa ha acquisito maggiore profondità, con la valorizzazione di giovani che, nell’arco delle tre competizioni, riusciranno a dare fiato fino alla fine della stagione.

Come se non bastasse, oltre alla rotazione per difesa, centrocampo e attacco, Ancelotti non ha lasciato indietro neanche i tre portieri. Dal buon inizio di Karnezis, all’inserimento del più esperto Ospina in Champion’s ed in qualche delicata gara di campionato, fino al giovane Meret.

Un modus-operandi quello di Ancelotti, che ha fin’ora dato ottimi risultati in Campionato, tenendo solo il Napoli il passo della Juventus, per non parlare della ottima Champion’s dove gli azzurri, sono usciti all’ultima gara sono per differenza reti. Ed ora siamo certi in Europa League vedremo tutto il talento di Younes 

 

A proposito dell'autore

Emanuele Ranzo

Appassionato di calcio, iscritto alla facoltà di giurisprudenza, ex arbitro, ama la lettura, la politica ed il cinema. Alla sua prima esperienza giornalistica

Post correlati

Translate »