Il portale Pianetanapoli.it nasce in un periodo molto difficile per il calcio all’ombra del Vesuvio. L’idea di questo quotidiano telematico, incentrato su una realtà calcistica conosciuta in tutto il mondo, nasce infatti nell’agosto 2004. Poco dopo il fallimento della SSC Napoli alla rispettabile età di 78 anni, prende forma anche questo portale contemporaneamente con la Napoli Soccer di Aurelio De Laurentiis. Mentre Pier Paolo Marino pensava a tesserare i calciatori giusti per costruire una grande formazione, Pianetanapoli cominciava ad incastrare clusters e persone in grado di fare informazione pulita, trasparente e puntuale sulla nuova creatura del produttore cinematografico.

Pianetanapoli sarà il sito di tutti: tifosi, appassionati e addetti ai lavori. Per esserlo, si avvarrà di uno staff di professionisti (ognuno nel suo campo), appassionati e soprattutto da sempre molto legati alle sorti del Napoli, nel bene e nel male. Questo sarà infatti il portale della passione e delle emozioni, e tutto sarà fatto per soddisfare l’esigente lettore con notizie aggiornate in tempo reale e varie rubriche, alcune molto innovative, che andranno ad appagare anche gli utenti con il palato più fine. Tutti i componenti di Pianetanapoli e tutti i lettori potranno comunicare attivamente attraverso un apposito forum che darà la possibilità di un confronto sano e costruttivo per quella che potrà diventare una forte e competente community virtuale.

Ma Pianetanapoli sarà anche un mensile cartaceo ricco di novità: diffuso oltre che a Napoli in tutte le principali piazze calcistiche della Campania, vi proporrà servizi, interviste, inchieste e opere che giornalisticamente potranno essere valutate da tutti i suoi attenti lettori. Nella scelta dello staff di Pianetanapoli sono state scelte persone di provata affidabilità e competenza, pronti ad illuminarsi d’azzurro affinché questo portale venga etichettato fra quelli dall’alta qualità, e perché ben presto diventi un sito da serie A. A braccetto con la Napoli Soccer, società con la quale ci apprestiamo a scalare montagne sempre più alte: le Lourdes sono alle spalle, davanti vogliamo che ci sia un futuro azzurro. Per il Napoli, per noi e (soprattutto) per voi.