IL PUNTO DEL MOSCA

OTTIMISTI A “ CUCCI”A!!!

La risposta di PianetaNapoli all’ala più pessimista e critica locale e nazionale, immancabilmente presente dopo il deludente pareggio degli azzurri ad Udine. Il cammino di Benitez a Napoli procede lento anche per colpa dei"nostalgici"

di Nicola Moscato

Mediagallery

     
   
       
 
     
   
       
Mediagallery

Shop

  Pallone serie A LEGA CALCIO
16,00
 
 
Catalogo

Forum

www.tifosidelnapoli.it
Il Forum dei Tifosi del Napoli

Link

www.maidirecalcio.com
893 click
www.infinitocastroregio.it
831 click
Club Napoli Campobasso e Collezione maglie Napoli
2318 click
Scommesse Calcio
Tutti i pronostici per le scommesse sportive 2630 click
Risultati Calcio
Risultati personalizzati in tempo reale per oltre 11 sport 2437 click
Squadra di calcio Ussi Campania
7889 click
Napoli Calcio
11396 click
Fondazione Cannavaro Ferrara
9297 click
Area 361
5378 click
Telecaprisport.it
97935 click
http://tifonapoli.com/links/
7008 click
Calciocampano.com
25711 click
Il Blog di Marco Liguori
8690 click
IL MEDIANO
6835 click
Azzurrissimo
100013 click
Napolisoccer.net
108641 click
Napolimagazine.com
169968 click
Ultrazoom.it
17760 click
Napoli2000.com
81990 click
Tele5Napoli
10363 click
www.tuttoarbitri.it
5745 click
Calciogiovanitalenti.it
8579 click
Pausacaffe.info
7948 click
Pianetanapoli.it: giornale sportivo on-line

Utenti on-line

Utenti on-line 127
l'afflusso massimo di 20575 utenti on-line si è registrato giovedì 31 gennaio 2008 alle ore 22:23
8388608 ingressi
23267 in questa settimana
ultimo: mer 23 apr 2014, h. 13:47
8388608 letture di questa pagina (*)
7218 in questa settimana
Links to Site
(*) dalla ver. 2.0 lug 2006
SEGUI ZONA NAPOLI TUTTI I VENERDI ORE 21,30 SU RTN TV, CANALE 607 dgt
¬ Altre in
¬ Tutte le rubriche
¬ Diritti d'autore
(feb 2013)
Google
Web Pianetanapoli.it

 
  versione per la stampa

IL SIGNORE DELLE MOSCHE

Il ritorno di Diego (e Messi) in Italia riapre il paragone. Ma semplicemente non c’è paragone…

a gamba tesa 140x180.jpg: IL SIGNORE DELLE MOSCHE
27/2/2013

Ci sono momenti in cui gli eventi si concatenano fra loro in una sequenza che di casuale non ha proprio nulla, quasi come se il destino ci tenesse a ribadire quelle verità che a volte mettiamo in discussione solo per quella maledetta voglia di novità. Certe cose sono così e basta, è inutile ricamarci sopra. Il PD perderebbe anche nella famosa pubblicità del Gratta e Vinci, per gli Elii non vincere Sanremo è un premio alla carriera e Messi non è Maradona. Sic et simpliciter.

 

Dice: basta che Diego torni a Napoli per rinfocolare discussioni ormai sopite? No, almeno non solo. Vicino ci devi mettere il quasi contemporaneo ritorno dalle nostre parti di Leo il Messia 2.0, quello che la Spagna è come Marte e l’Italia è come la Terra. Nove partite a casa nostra, tre gol (su rigore), neanche fosse un Bojan qualsiasi. È chiaro che assumerlo a legge sarebbe oltremodo semplicista, ma comunque c’è di che riflettere. Contro il Milan il piccolo Lionel non l’ha vista neanche col binocolo, e dire che lo marcava Zapata. Giusto per rincarare la dose, aggiungiamoci che non ha segnato neanche contro l’Udinese. L’Udinese. Ok che nove partite sono poche, e che comunque i numeri spagnoli la dicono lunghissima sull’indiscutibile talento di quello che resta l’attuale n.1 al mondo e sicuramente candidato ad entrare fra i big della storia. Ok anche che Maradona in Catalogna non ha fatto sfracelli, ma sicuramente parliamo di un altro Barcellona e soprattutto di un’altra Liga. E’ troppo facile così, è come fare il karaoke con l’orchestra sinfonica mentre l’altro componeva rapsodie con pentole e bicchieri. E probabilmente aspettare la controprova di un Messi nel nostro campionato sarebbe utopia pura, perché il ragazzo non è stupido e preferisce restare il principe fra gli insetti piuttosto che cimentarsi come re fra gli uomini. Di questo passo, più che al D10S, Messi sarà comparabile a Pelè. Uno che ha fatto cose da alieno sul suo pianeta, un pianeta che però rispetto al resto della galassia è solo un puntino insignificante. Non regge neanche la tesi della Champions, più volte dominata da Leo e dal suo Barcellona: anche in quel caso parliamo di avversari che al cospetto del Dream Team sono piccoli così.  Del Dream Team, non di Messi. 

 

Per non parlare del lato artistico della cosa. Se Maradona viene accolto ancora come una divinità nella città che l’ha visto salire in cima alla piramide del calcio non è solo per i gol, per le magie o per i trionfi. Conta molto di più ciò che ha rappresentato per il mondo del pallone. Rivoluzionario nei gesti e nelle gesta, Maradona ha inventato tutto ciò che il calcio ancora non conosceva. Ha fatto e disfatto, ha incensato e demolito, ha arringato folle e zittito avversari. Messi a confronto è il bambino che ripete a memoria la filastrocca di Natale. Provate a portarlo a Barcellona a 52 anni e vedrete. La differenza è tutta lì.

Antonio Papa
articolo letto 296 volte
© Riportare la fonte "Pianetanapoli.it" nonché l'autore citando questo articolo | Diritti d'autore .